Rivestire una testiera capitonnée, rullo di tamburi, si può fare ( uscendone vivi!)! Questa piccola testiera rivestita è un progetto di Paint your Life di tanti anni fa ( ecco dove finivano i progetti di Paint!!)

L’avevo tenuta perché mi piace molto la forma e l’avevo messa in casa della mia suocerina adorata. Ma, vuoi il tempo, vuoi i nipoti che avevano deciso che le nappine andavano tolte una ad una sistematicamente ( così pensavo all’epoca, ma poi vi spiegherò che sbagliavo), fatto sta che questa povera testiera era malconcia. Ho deciso quindi di recuperarla e usarla a casa mia!

Testiera imbottita prima dell’intervento di recupero!

Come smontare la testiera:

Questo è un caso fortunato in cui posso farti vedere i passaggi dall’inizio, smontaggio compreso.

Guardando la testiera mi sono resa conto di varie cose. Ovviamente che mancavano le pappine, ma anche che l’ultima fila in basso è troppo vicina al bordo e secondo me va tolta.

Advertisement

Quando si decide di intraprendere un progetto del genere, la grande incognita è lo stato della gommapiuma perché se è vecchia si sbriciola e va cambiata.

togliere le borchie con levachiodi

Ho iniziato togliendo le borchie con il levachiodi. Nella maggior parte dei casi ha funzionato ma in alcuni punti non riuscivo ad entrare sotto la borchia e mi sono dovuta aiutare con un cacciavite. Tolte tutte le borchie ( arrugginite!) ho potuto togliere anche la fettuccia che copriva il bordo

Sollevare i punti con il cacciavite

Per togliere la stoffa, che era stata fermata con la sparapunti , ho sollevato le graffette con un cacciavite e dove non venivano via mi sono aiutata con una pinza.

Ho tagliato tutti i fili che sul retro reggevano le nappine.

Testiera con gommapiuma

Ed ecco la mia testiera pronta per essere lavorata. Come puoi vedere la gommapiuma è in perfetto stato e non va cambiata. Se vuoi vedere il tutorial base su come tappezzare una testiera partendo da zero clicca qui

Rivestire una testiera imbottita fai da te: il video tutorial

Occorrente:

  • Stoffa
  • Passamaneria
  • Matita
  • Chiodi
  • Filo cerato
  • Forbici
  • Sparapunti
  • Riga
  • Ago da tappezziere
  • Colla a caldo
  • Kit per foderare i bottoni
  • Testiera

Rivestire una testiera imbottita fai da te: come fare

Prima di iniziare la lavorazione ti spiego rapidamente come creare la griglia dei bottoni. Per anni è stata un incubo, calcoli complicatissimi, un disastro. Poco tempo fa, mentre armeggiavo con la riga cercando di venirne a capo, Margherita ha guardato un po’, ci ha pensato su e poi mi ha detto ” sono solo 2 griglie uguali ma sfasate!” Ho avuto un’illuminazione e la vita mi si è molto semplificata. Funziona così:

Sul retro della tua testiera disegna 2 griglie, la dimensione dei rettangoli la devi decidere in base al risultato che vuoi ottenere. Ti consiglio di usare 2 pennarelli di colori diversi.

Una volta disegnate, segna i punti di intersezione tra le 2 griglie, praticamente solo dove hai i 2 colori. Quelli sono i punti dove dovrai fare un piccolo buco passante con il trapano.

Passiamo ora alla tappezzeria. Apri la stoffa sul piano di lavoro e poggiaci sopra la testiera dalla parte della gommapiuma. Con una matita disegna sulla stoffa la sagoma della testiera, poi fai una seconda traccia ad una distanza pari allo spessore della testiera. Oppure se preferisci puoi fare come me :

Ho sollevato la stoffa fino al bordo per fare questo secondo segno.

Taglia la stoffa ( io per sicurezza ho lasciato 2 cm in più, perché non mi fido mai. Alla fine però l’ho dovuto tagliare via)

Dopo avere piegato la stoffa su se stessa onde evitare che si sfilacci, bloccala sul legno con la sparapunti.

Qui devo fare una piccola spiegazione. Ho dovuto per forza fissare la stoffa sullo spessore del legno a causa della forma della mia testiera. Se il legno fosse stato regolare, un quadrato o un rettangolo, avrei potuto serenamente procedere come al solito, fissando la stoffa sul retro con la sparapunti, prima sui 4 punti cardinali, e poi man mano tutto intorno.

Se ci sono delle curve come nel mio caso, per permettere alla stoffa di seguirle, dovrai molto probabilmente fare dei taglietti sul bordo ( l’avevi già visto con la poltroncina) per permettere alla stoffa di seguire la forma del legno.

Per quel che riguarda gli angoli retti invece piega la stoffa come se stessi rifacendo il letto! ( e bloccala con un punto!)

Come foderare i bottoni

DIVERTENTISSIMO! e molto facile. L’unico accorgimento da avere è quello di scegliere un tessuto sottile. Magari esistono dei kit per foderare i bottoni più sofisticati, che funzionano anche con stoffe pesanti, il mio no ma va bene così. Basta saperlo!

I bottoni sono composti da due parti, quella superiore che devi rivestire, e quella inferiore che serve per bloccare la stoffa e che ha l’anellino che ti permetterà di cucire il bottone sulla testiera.

Foderare i bottoni

Taglia un pezzettino di stoffa. Devi fare delle prove per capire la dimensione di cui hai bisogno perché se è troppo grande, l’apparecchio non si riesce a chiudere, se invece è troppo piccolo il bottone non viene completamente coperto

Avvolgi la parte superiore del bottone nella stoffa e raggruppa tutta al centro, tenendola bloccata con il pollice, poi chiudi con il secondo pezzo che compone il bottone.

Infila il tutto nella base di silicone

Chiudi con l’apposito tappino e spingi forte

Et voilà! Il bottone esattamente come lo volevo io! Rivesti tanti bottoni quanti sono i buchi che hai fatto con il trapano ( nel mio caso già esistenti)

Come ottenere l’effetto capitonné usando i bottoni

Prendi un pezzo di filo cerato abbastanza lungo, infilalo nell’ago, fai un nodo unendo i due capi e fai scivolare il nodo fino alla cruna

Infila l’ago in uno dei buchi e tiralo verso il basso cercando di andare il più dritto possibile . Inserisci un chiodo nell’occhiello di filo che si forma, poggialo sul legno e tira completamente il filo verso il basso in modo da bloccare il chiodo.

Gira la testiera, nel caso si fosse spostato fai scorrere il nodo fino alla cruna poi taglialo via. Infila il bottone in uno dei due capi e chiudi con un nodo scorsoio fatto così: tieni fermo il filo di destra e fagli passare sotto il filo di sinistra, fai passare il capo del filo di sinistra dentro l’occhiello che si crea e fai scorrere il nodo verso il bottone. Ricomincia una seconda volta, sempre tirando bene in modo che il bottone venga “risucchiato” nella gomma piuma. Io ho fatto un altro paio di nodi per sicurezza prima di tagliare i fili.

Il mistero delle pappine scomparse: Mi sono resa conto, durante questa lavorazione, che ogni tanto i chiodini posteriori si sfilavano. Alla fine ho capito che spingendo la gommapiuma verso il legno il filo allentava la tensione ed i chiodini scivolavano via.

I poveri nipoti non c’entravano niente, non facevano altro che appoggiare la testa alla testiera!

Ho risolto bloccando il filo sul retro con la sparapunti. In questo modo il chiodo e di conseguenza il bottone sono inamovibili!

Con la colla a caldo incolla la passamaneria lungo tutto il profilo della testiera

Testiera rivestita fai da te

Ecco come fare!

P.s: con gli avanzi di stoffa puoi creare il mio geniale porta torta!!!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.