Come fare le patine colorate?

bitume
Nell’immagine, tratta da Wikipedia, un affioramento naturale di bitume, dal colore inconfondibile. La foto è di Daniel Schwen ed è stata scattata a La Brea Tar Pits, Los Angeles, California. È rilasciata sotto licenza CC BY-SA 2.5

 

Adriana mi ha scritto, qualche tempo fa, una domanda piuttosto tecnica, che in realtà è composta da varie domande.

Come fare le patine colorate? (è un mio cruccio)
Oltre al bitume, vengono usati pigmenti? Si può aggiungere colore acrilico?
Come viene fatto esattamente il procedimento per mettere la patina colorata su legno?
Mi sono allargata troppo?
Grazie Barbara! Sei la numero 1

Ciao Adriana,

non ti sei allargata troppo. Ma la tua domanda è molto interessante perché la parola patina in realtà è generica e mi da la possibilità di spiegare altri piccoli mondi!

Definizione di patina – La patina di fatto è l’invecchiamento di un oggetto (o della pittura) dovuta al passare del tempo e quindi, generalmente, è sui toni del marrone nerastro (come appunto il bitume). Fa parte della famiglia delle velature, che non sono altro che un passaggio di colore molto diluito che cambia la tonalità della base.

Per tornare alla tua domanda, non ho una risposta univoca, nel senso che dipende dal supporto e da cosa vuoi ottenere.

Il bitume – Userei il bitume per invecchiare il legno o la foglia d’oro, in questo secondo caso diluendolo e addirittura usando la cera bituminosa anche lei diluita con l’acquaragia. Mentre non lo userei sulle pareti.

Fondo a smalto – Su questo fondo, puoi lavorare con delle patine a olio che sono bellissime. Si diluisce un pochino di colore ad olio (proprio il tubetto) con dell’olio di lino e dell’acquaragia (1 parte di olio e 2 di acquaragia) e si applica generalmente a straccio, intingendo lo straccio nel liquido, indossando guanti da cucina! Se lavori con terra d’ombra naturale e nera sarà un invecchiamento, se invece usi un colore cambierai il tono della base. In tutti e due i casi eviterei il fondo bianco perché il lavoro viene meglio su di un fondo leggermente ( o addirittura molto) colorato. Se dovessi usare questa tecnica, ricordati che il fondo deve essere impeccabile, lo smalto deve coprire perfettamente la superficie perché se così non fosse verrebbero fuori delle macchie, in gergo si dice che il colore “brucia”.

Su questo tipo di fondo puoi anche usare la cera tingendola usando i pigmenti diluiti in acquaragia.
Generalmente non proteggo questo tipo di patine.

Fondo all’acqua – Una base fatta con tinta lavabile sulla quale devi lavorare all’acqua. In questo caso sciogli un pochino di colore acrilico in parecchia acqua, mischia bene ( anche durante la lavorazione perché il colore tende a depositarsi) e poi passa la patina/velatura a straccio o a pennello.
Se si tratta di una parete non proteggo il lavoro. Se invece è un’oggetto, allora ci passo sopra un protettivo all’acqua o della cera.

Consigli ed esperienza personale – Quando ho iniziato a fare la decoratrice per questo tipo di patine usavo esclusivamente i pigmenti in polvere. Poi sono passata ai tubetti, sia di olio che di acrilico, perché le polveri, se non diluite perfettamente (e sulle grandi quantità è facile che accada), formano dei mini grumi che quando finiscono sullo straccio lasciano delle brutte righe sul muro.

Un altro consiglio è che sulle grandi superfici è meglio lavorare in due perché la patina evapora abbastanza rapidamente ( quella all’acqua di più) e lavorando sola rischi di avere un muro troppo maculato.

Se vuoi provare a fare le patine, ecco cosa potrebbe servirti

Nota di trasparenza: i link rimandano al programma di affiliazione di Amazon EU. Questo significa che se fai degli acquisti, una piccola percentuale della transazione arriva a questo sito.

I prodotti proposti in questa selezione sono da ritenersi indicativi: valutali e scegli sempre bene, prima di acquistare!

2 Commenti

  1. Con professionalità e nello stesso tempo, con semplicità hai analizzato in modo esaustivo l’argomento da me proposto. Un grazie di vero cuore!!!

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.