Una lampada di carta

Carta lampada

Fiorenza mi scrive:

In un periodo di riposo forzato ho ricavato tantissimi di questi uccellini di carta da un vecchio libro di economia.  Ora vorrei ricavarci un lampadario per la camera delle mie bambine. Non vorrei farli pendere da fili di nylon però ma piuttosto assemblarli in qualche maniera con del filo di ferro per dare un idea di “volo disordinato”.  
Mi dai qualche idea? Grazie.

Ecco la mia risposta.

Quello che mi chiedi non è facilissimo perché la carta che hai usato (molto carina e poetica) è sottile e con il filo di ferro non va d’accordissimo.

Mi viene in mente la lampada di Ingo Maurer Zettel’z dove i foglietti sono attaccati con delle mollettine a dei fili di ferro incrociati tra loro.

Altrimenti potresti usare la struttura di una lampada di carta (sceglila con una struttura a righe orizzontali e non a spirale), così: prima togli la carta tagliandola con un taglierino.

Poi usi la struttura come supporto per i tuoi uccellini, usando il fil di ferro o della colla per attaccarli disordinatamente alla struttura.

1 Commento

  1. Mi permetto di dare una idea.
    Potresti incollare gli uccellini in un cartoncino a forma trapezoidale (magari di colore azzurro cielo),
    farne la base della lampada.
    Da qui partono dei sottili fil di ferro con gli uccellini, appesi e doppi sempre passati con una leggera
    pennellata di colla da decoupage, senza acqua aggiunta.
    Riusciresti cosi anche a pulirli con il phon.
    Buon lavoro

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.